Strumentatione per l’anticontraffazione documentale Forinst S.r.l.s. - Torino Italy P.IVA: 11321130012 - Copyright © 2012 Tutti i contenuti sono riservati Lo strumento consta essenzialmente da un interferometro Laser collegato ad un sistema di  traslazione X-Y motorizzato. I grafismi oggetto delle misurazioni vengono scannerizzati con una accuratezza (per le quote sull’asse Z) migliore del micrometro. Dalle risultanze in  assonometria dei solchi generati dai grafismi e dalle alterazioni superficiali del tessuto  cartaceo (in corrispondenza dell’incrocio) è possibile oggettivare l’ordine cronologico di  apposizione tra i grafismi sovrapposti. L’apparecchiatura consente di effettuare una  accurata analisi della morfologia non solo dei solchi, ma anche dei dossi derivati dal  deposito del Toner, ecc. E’ anche possibile valutare la dinamica di una scrittura per stabilire se un documento è  autografo o falsificato da altro soggetto. Trattasi di un metodo non invasivo, del tutto  ininfluente dalla colorazione e tipologia sia degli strumenti scrittori impiegati, sia dei  supporti cartacei su cui sono presenti i grafismi: il sensore rileva delle profondità,  avvallamenti, dossi, ecc. a prescindere dalla colorazione dei tratti da esaminare.  Telecamera infrarossi IR La Forinst ha recentemente messo a punto una nuova tecnica per cercare di risolvere i casi dati  apparentemente per "irrisolvibili". Ad esempio nella situazione in cui la sottoscrizione non si interseca in alcun  punto con un testo generato da un mezzo meccanico di stampa a base di Toner: Laser printer, fotocopiatrice,  multifunzione, ecc.   Nella foto possiamo osservare un classico esempio in cui non vi è  sovrapposizione. Tuttavia nella maggioranza dei casi, il Toner rilascia sul  foglio anche dei micro residui di particelle carboniose. Il numero e la  grandezza di queste micro particelle è strettamente correlato al tipo di  strumento meccanico impiegato, all'usura del tamburo, al tipo di Toner, alla  pulizia del supporto trasparente in vetro dove viene posizionato il foglio (nel  caso di una fotocopiatrice), ecc.   Ebbene, mediante un microscopio ottico (a elevatissimo ingrandimento) e a opportuni sistemi di illuminazione  in grado di generare delle immagini assimilabili a una radiografia del tessuto cartaceo con particolare riguardo  ai punti di sovrapposizione tra i micro residui sopra menzionati e il tracciato in manoscrittura, in molti casi è possibile oggettivarne la dinamica appositiva.  In taluni casi, alcuni inchiostri  apparentemente del medesimo tipo,  possono avere un  differente  comportamento a  determinate  "bande di taglio".  In altre parole,  alcuni di questi  emettono  luminescenza. La  ruota porta filtri è stata realizzata  per operare in abbinamento al  microscopio MSM, al fine di  consentire al medesimo di  evidenziare gli inchiostri sopra  menzionati. La ruota ospita nove  differenti filtri passa banda, che  spaziano dallo spettro del visibile  fino a quello de NIR (vicino  infrarosso). Le risultanze (sotto forma di  immagini) possono essere  successivamente salvate per  inserirle successivamente nella  propria relazione tecnica.  ruota porta filtri Grafiscan 3D Ruota porta filtri Analisi di grafismi sovrapposti, tra micro residui di Toner e tracciati in manoscrittura CLICCA PER INGRANDIRE